CATALOGO AUTORI APPROFONDIMENTI EVENTI ARTE & ARTISTI UNIVERSITÀ
tutti gli approfondimenti tutti i video tutti i podcasttutti gli eventi

tutti gli approfondimentitutti i videotutti i podcasttutti gli eventi

Articoli






Rosanna Turcinovich Giuricin
Sono Rosanna Turcinovich Giuricin, giornalista, nata a Rovigno (Pola) nel 1957, faccio parte della Comunit nazionale italiana in Istria. La passione per la scrittura nasce con me e da allora mi ha sempre accompagnata: questo il mio curriculum, in terza persona, per una sorta di pudore. Si formata al quotidiano La Voce del Popolo di Fiume...

[leggi tutto]
Sono Rosanna Turcinovich Giuricin, giornalista, nata a Rovigno (Pola) nel 1957, faccio parte della Comunit nazionale italiana in Istria. La passione per la scrittura nasce con me e da allora mi ha sempre accompagnata: questo il mio curriculum, in terza persona, per una sorta di pudore. Si formata al quotidiano La Voce del Popolo di Fiume...

[leggi tutto]




Lo sguardo di Ungaretti di Carla Boroni
Guardare con gli occhi di un poeta, attraverso i suoi occhi illuminati dispirazione, guardare dove loltre acquisisce il linguaggio della vita e si avvicina a noi con il suo segreto

[leggi tutto]
Guardare con gli occhi di un poeta, attraverso i suoi occhi illuminati dispirazione, guardare dove loltre acquisisce il linguaggio della vita e si avvicina a noi con il suo segreto

[leggi tutto]




Un olocausto italiano. Voci di soldati italiani nei lager
IMI. Dietro questa sigla, neutra e fredda, c il mondo degli internati militari italiani. La burocrazia ossessiva e cieca port i tedeschi a definire in tal modo i soldati e gli ufficiali italiani, prima rastrellati e poi deportati (perch di deportazione si tratt) in Germania, subito dopo l8 settembre 1943, data della firma dellarmistizio. Quasi una macabra ironia della storia se si pensa che, allinizio, furono dichiarati prigionieri di guerra. Fu Hitler stesso a intervenire e per evitare che in quanto tali venissero riconosciute le tutele della Convenzione di Ginevra, fece cambiare il loro status. E quella di internati militari divenne la cornice normativa con cui si chiudeva a questi soldati ogni possibile tutela

[leggi tutto]
IMI. Dietro questa sigla, neutra e fredda, c il mondo degli internati militari italiani. La burocrazia ossessiva e cieca port i tedeschi a definire in tal modo i soldati e gli ufficiali italiani, prima rastrellati e poi deportati (perch di deportazione si tratt) in Germania, subito dopo l8 settembre 1943, data della firma dellarmistizio. Quasi una macabra ironia della storia se si pensa che, allinizio, furono dichiarati prigionieri di guerra. Fu Hitler stesso a intervenire e per evitare che in quanto tali venissero riconosciute le tutele della Convenzione di Ginevra, fece cambiare il loro status. E quella di internati militari divenne la cornice normativa con cui si chiudeva a questi soldati ogni possibile tutela

[leggi tutto]




Cos Fiume fin in Canada in una tazzina e un disco
Da «Esuli due voilte»
I primi gruppi di corregionali, sbarcati al Pier 21 di Halifax (la Ellis Island del Canada), erano stati caricati su treni scomodi e lenti, assegnati a diverse destinazioni di inserimento nella realt del Paese. Soprattutto fattorie dove il loro lavoro era necessario per supportare popolazioni insediate da qualche tempo, legate a tradizioni, ritmi e organizzazione sociale ormai desueti nell'Europa che gli esuli si erano lasciati alle spalle. Gli europei portavano Oltreoceano un'evoluzione civile e culturale che nel nuovo mondo non era ancora giunta...

[leggi tutto]
Da «Esuli due voilte»
I primi gruppi di corregionali, sbarcati al Pier 21 di Halifax (la Ellis Island del Canada), erano stati caricati su treni scomodi e lenti, assegnati a diverse destinazioni di inserimento nella realt del Paese. Soprattutto fattorie dove il loro lavoro era necessario per supportare popolazioni insediate da qualche tempo, legate a tradizioni, ritmi e organizzazione sociale ormai desueti nell'Europa che gli esuli si erano lasciati alle spalle. Gli europei portavano Oltreoceano un'evoluzione civile e culturale che nel nuovo mondo non era ancora giunta...

[leggi tutto]




«Sublime anima di donna» di Claudia Salvatori
Un poliziesco che nel 2001 ha vinto il Premio Scerbanenco: referenza di lusso per Sublime anima di donna, romanzo di Claudia Salvatori che nella primavera 2021 Oltre Edizioni ha voluto ripubblicare, per la riconosciuta qualit, nella collana I gialli Oltre (508 pagine).

[leggi tutto]
Un poliziesco che nel 2001 ha vinto il Premio Scerbanenco: referenza di lusso per Sublime anima di donna, romanzo di Claudia Salvatori che nella primavera 2021 Oltre Edizioni ha voluto ripubblicare, per la riconosciuta qualit, nella collana I gialli Oltre (508 pagine).

[leggi tutto]




Lalbero. Tra cielo e terra
Ci guardano, attori inconsapevoli del nostro benessere. Ci riscaldano da migliaia di anni, rinfrescano le nostre estati, il loro legno ci protegge dalle intemperie. Offrono il piacere del paesaggio, danno colore alle nostre citt, in gruppo diventano la casa di migliaia...

[leggi tutto]
Ci guardano, attori inconsapevoli del nostro benessere. Ci riscaldano da migliaia di anni, rinfrescano le nostre estati, il loro legno ci protegge dalle intemperie. Offrono il piacere del paesaggio, danno colore alle nostre citt, in gruppo diventano la casa di migliaia...

[leggi tutto]
Pag. n.  <<  <  10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 >  >>