CATALOGO      AUTORI      APPROFONDIMENTI      EVENTI      ARTE & ARTISTI      UNIVERSITÀ

Login (se sei già registrato) oppure Registrati
Oltre edizioni

Login (se sei già registrato) oppure Registrati
La flora al tempo dei dinosauri Enrico Caneva insegna come creare un giardino giurassico a casa propria
L'identitŕ di giovedě 31 agosto 2023
Da centinaia di milioni di anni le piante, veri campioni di adattamento, si evolvono per adeguarsi agli effetti dei cambiamenti climatici del nostro splendido pianeta. L’esperienza pluridecennale di paesaggismo...

di NICOLA SANTINI
Da centinaia di milioni di anni
le piante, veri campioni di adattamento,
si evolvono per adeguarsi
agli effetti dei cambiamenti climatici
del nostro splendido pianeta.
L’esperienza pluridecennale
di paesaggismo e lunghi studi
sui resti fossili delle piante più antiche
sono alla base della realizzazione,
a Sarzana, da parte dell’autore,
di un parco dedicato a queste
piante così geometriche e meravigliose.
Un’attenzione particolare
è stata data alla flora della
nostra penisola, in special modo
a quella delle Alpi Apuane e dei
Monti Pisani. Al lavoro di studio
sui fossili è seguita la ricerca delle
piante superstiti dell’epoca e la
sperimentazione, di lunghi anni,
per riuscire a reintrodurle correttamente
nei nostri giardini. Questo
libro è sì la presentazione
scientifica della saga della flora al
tempo dei dinosauri, ma vuole
anche essere un’invito a creare,
ciascuno in casa propria, un piccolo
angolo dedicato alle piante
Giurassiche, per godere ancora
della loro straordinaria bellezza.
Conoscere le piante fin dall’inizio
della vita terrestre, quelle brucate
in un tempo lontano dai dinosauri,
è stato uno dei desideri
dell’autore fin da bambino. Scoprire
che moltissime esistono ancora
è sorprendente. Questo è il
primo di una serie di libri che saranno
dedicati alla flora delle diverse
epoche geologiche, con
schede semplici e pratiche ricche
di consigli per trovarle e coltivarle
senza intoppi. Una parte importante
del giardino botanico di
Sarzana, realizzato dall’autore, è
dedicata alle piante descritte in
questo libro: una lettura interessante
per accompagnare il lettore
nella riscoperta delle vere piante
autoctone del nostro bellissimo
paese.
“Muoversi nell'assordante silenzio
delle piante dalle origini
antiche del Giardino preistorico”
- spiega nell’introduzione Walter
Landini - “è un po' come perdersi
nei percorsi che conducono nei
meandri stratificati e poco conosciuti
della storia naturale, alla ricerca
del senso, se davvero questo
esiste, nel divenire della vita
sul nostro pianeta. Preistoria è
una parola dal fascino arcano,
senza tempo definito. Finisce
quando comincia la Storia, poi
sprofonda e si rivela, di tanto in
tanto, in modo frammentario,
svelando trame che si intrecciano
senza soluzione di continuità.
Nell'immaginario collettivo il
tempo profondo della preistoria
è la patria di animali iconici, delle
strane e bizzarre creature del mare,
della terra e del cielo”.


leggi l'articolo integrale su L'identitŕ
SCHEDA LIBRO   |   Segnala  |  Ufficio Stampa


CATALOGO      AUTORI      APPROFONDIMENTI      EVENTI      ARTE & ARTISTI      UNIVERSITÀ

Login (se sei già registrato) oppure Registrati
Oltre edizioni

Login (se sei già registrato) oppure Registrati
L'identitŕ - giovedě 31 agosto 2023
Da centinaia di milioni di anni le piante, veri campioni di adattamento, si evolvono per adeguarsi agli effetti dei cambiamenti climatici del nostro splendido pianeta. L’esperienza pluridecennale di paesaggismo...

di NICOLA SANTINI
Da centinaia di milioni di anni
le piante, veri campioni di adattamento,
si evolvono per adeguarsi
agli effetti dei cambiamenti climatici
del nostro splendido pianeta.
L’esperienza pluridecennale
di paesaggismo e lunghi studi
sui resti fossili delle piante più antiche
sono alla base della realizzazione,
a Sarzana, da parte dell’autore,
di un parco dedicato a queste
piante così geometriche e meravigliose.
Un’attenzione particolare
è stata data alla flora della
nostra penisola, in special modo
a quella delle Alpi Apuane e dei
Monti Pisani. Al lavoro di studio
sui fossili è seguita la ricerca delle
piante superstiti dell’epoca e la
sperimentazione, di lunghi anni,
per riuscire a reintrodurle correttamente
nei nostri giardini. Questo
libro è sì la presentazione
scientifica della saga della flora al
tempo dei dinosauri, ma vuole
anche essere un’invito a creare,
ciascuno in casa propria, un piccolo
angolo dedicato alle piante
Giurassiche, per godere ancora
della loro straordinaria bellezza.
Conoscere le piante fin dall’inizio
della vita terrestre, quelle brucate
in un tempo lontano dai dinosauri,
è stato uno dei desideri
dell’autore fin da bambino. Scoprire
che moltissime esistono ancora
è sorprendente. Questo è il
primo di una serie di libri che saranno
dedicati alla flora delle diverse
epoche geologiche, con
schede semplici e pratiche ricche
di consigli per trovarle e coltivarle
senza intoppi. Una parte importante
del giardino botanico di
Sarzana, realizzato dall’autore, è
dedicata alle piante descritte in
questo libro: una lettura interessante
per accompagnare il lettore
nella riscoperta delle vere piante
autoctone del nostro bellissimo
paese.
“Muoversi nell'assordante silenzio
delle piante dalle origini
antiche del Giardino preistorico”
- spiega nell’introduzione Walter
Landini - “è un po' come perdersi
nei percorsi che conducono nei
meandri stratificati e poco conosciuti
della storia naturale, alla ricerca
del senso, se davvero questo
esiste, nel divenire della vita
sul nostro pianeta. Preistoria è
una parola dal fascino arcano,
senza tempo definito. Finisce
quando comincia la Storia, poi
sprofonda e si rivela, di tanto in
tanto, in modo frammentario,
svelando trame che si intrecciano
senza soluzione di continuità.
Nell'immaginario collettivo il
tempo profondo della preistoria
è la patria di animali iconici, delle
strane e bizzarre creature del mare,
della terra e del cielo”.


leggi l'articolo integrale su L'identitŕ
SCHEDA LIBRO   |   Stampa   |   Segnala  |  Ufficio Stampa